A Chiavari va in scena il progetto “Liguritudine – Viaggio in Liguria alle origini di un’idea di bellezza”

Dopo diversi mesi dedicati all’allestimento, alle ore 21.30 di giovedì 12 luglio 2018, nella splendida cornice di piazza Fenice, andrà in scena lo spettacolo teatrale frutto del progetto Liguritudine – Viaggio in liguria, alle origini di un’idea di bellezza, reading multimediale per voci e orchestra presentato dal Comune di Chiavari, selezionato e finanziato da Regione Liguria nell’ambito del bando “Tradizioni ed espressività giovanile” – Intervento 2 “Il dialetto sale sul palco”.

Si tratta di un’opera interamente in lingua genovese che prevede la presenza sul palco di diverse forme d’arte: canzoni, coreografie, recitazione, scenografie e video originali. Liguritudine verrà messo in scena sotto la regia della Compagnia Teatrale Scenamadre nella forma del reading multimediale, che alterna testi recitati, video originali sulla Liguria proiettati sullo sfondo scenico e canzoni eseguite dal vivo dalla band del cantautore Roberto Frugone (ideatore del progetto, compositore delle canzoni e delle musiche originali dell’opera, nonché autore dei testi con la collaborazione della scrittrice e poetessa Andreina Solari).

La caratteristica originale del progetto è stata il coinvolgimento di un gruppo di giovani che, invitati a impegnarsi attivamente con vari ruoli utili alla realizzazione dello spettacolo (attori, scenografi e videomaker), nei mesi precedenti la messa in scena dello spettacolo, hanno partecipato a percorsi formativi curati dagli artisti autori del progetto e volti allo sviluppo delle competenze necessarie alla realizzazione dell’evento.

Nella serata di giovedi 12 luglio si alterneranno quindi sul grande palco di Piazza Fenice: la Roberto Frugone Band composta da Gianteo Bordero (basso elettrico), Daniele Lagomarsino (chitarra classica ed elettrica), Luca Laurino (batteria) e Roberto Frugone (voce, pianoforte e chitarra); gli attori Manuel Bucci, Federico Corradini, Federico Luciani, Michele Moretti, Chiara Pellegrini e Francesca Spiccio. Realizzeranno le riprese dell’evento i videomaker Michele Garibotto e Niccolò Villani sotto la regia video del cameraman Lorenzo Battilana. Le scenografie sono state realizzate dai pittori Carlotta Sangaletti e Michele De Robertis. Service audio, luci e video a cura di Fulvio Fusaro di ArteMusica. La regia dello spettacolo è di Marta Abate e Michelangelo Frola (compagnia teatrale ScenaMadre).

Il progetto Liguritudine, promosso dall’Associazione Culturale La Contrada (che presso l’omonimo Centro Studi a Casarza Ligure propone corsi, laboratori ed eventi culturali), si è avvalso della preziosa collaborazione del Villaggio del Ragazzo (il quale, presso il Centro Giovani Chiavari, ha fornito spazi e strumenti per corsi, prove e laboratori), e del prestigioso patrocinio dell’Associazione Culturale “O Castello”, che dal 1981 promuove iniziative culturali, artistiche e sociali per gli abitanti della città di Chiavari e del territorio circostante amanti della loro terra, delle sue bellezze, della sua storia e dei suoi costumi.

Conferenza Stampa presentazione Liguritudine 2018.07.09

Conferenza Stampa di presentazione del progetto “Liguritudine” – Comune di Chiavari, 9 luglio 2018

Conclude Fiammetta Maggio, assessore ai Servizi Sociali e all’Istruzione del Comune di Chiavari:

«Il periodo utile per la realizzazione delle performance teatrali dialettali con le quali essere ammessi nella graduatoria per la valutazione di merito era di tre mesi circa, quindi molto breve.

Difficile improvvisare da zero, persone con interessi già ben coltivati e con qualcosa di concreto già pronto. Solo quando ho letto i testi, ho compreso come il progetto del nostro distretto si sia potuto classificare tra i primi tre concorrenti della graduatoria regionale, ed essere, quindi, compreso nella ripartizione del ‘fondo per le politiche giovanili’ dedicato.

Testi che, ovviamente, esistevano prima e che hanno potuto costituire la base del progetto. Mi ha colpito particolarmente la pertinenza delle composizioni anche poetiche alla ‘Liguritudine’ già descritta nel titolo scelto dagli autori: “viaggio inta Liguria a-o comenso de un’idea de bellessa”.

L’inizio di un’idea di bellezza, un’affezione alla nostra terra profonda. Alcune poesie la descrivono ancora meglio. Un attaccamento alla terra quello di noi liguri che ci lega e ci fa riconoscere in una comune identità. Sono grata all’amministrazione regionale che non si dimentica di sottolineare questa peculiarità e da spazio ai giovani per apprezzarla, esprimerla ed appropriarsene sempre di più.»

N.B. l’ingresso all’evento, che in caso di pioggia si terrà presso il piccolo Auditorium San Francesco (sede Filarmonica di Chiavari – Largo Pessagno), è libero.

RASSEGNA STAMPA

Roberto Frugone